Come Fare Forex Trading Da CasaCome Fare Forex Trading Da Casa

Come Fare Forex Trading Da Casa

Il bello del Forex Trading? Che può essere fatto dovunque, anche “comodamente” da casa, magari sul divano. Di fatto per operare occorre solamente un device (computer, smartphone o tablet), una buona linea internet ed una piattaforma, cioè un broker. Il trading può diventare una vera e propria occupazione, ma soprattutto nella fase iniziale non si deve considerarlo come un lavoro retribuito, ma come un business nel quale investire tanto tempo e del denaro. Vediamo insieme come fare trading da casa.

Forex trading da casa: i requisiti

Come anticipato, i requisiti per fare trading da casa non sono poi molti, seppur non sia stata citata la necessaria dedizione per affrontare quello che è a tutti gli effetti un business. I capitali per iniziare sono necessari, ma per muovere i primi passi non sono richieste grandi quantità di denaro, dal momento che in base alla piattaforma scelta per operare, i depositi minimi sono piuttosto modesti. In alcuni casi si parla di poche decine di euro.

Per quanto riguarda la dedizione, devi tenere in considerazione che guadagnare è assolutamente possibile, ma non senza sforzo. Per ottenere risultati positivi che possano essere considerati come tali difatti, dovrai applicarti nello studio, imparare a gestire il tempo e soprattutto controllare le tue emotività. Il Forex trading è un’attività del tutto indipendente, senza un datore di lavoro che ti impartisce ordini, ma ciò non significa che potrai agire di testa tua.

Gli strumenti di formazione

Gli strumenti di formazione

Si parlava di studio. Devi cercare di capire che qualsiasi attività, non solamente il trading, richiede una fase di studio più o meno lunga a seconda della complessità dell’attività stessa. Per quanto riguarda le tempistiche di apprendimento dei fondamentali del trading, molto dipenderà dalle tue attitudini e dal metodo che svilupperai. Metti in conto che non si diventa trader di successo in due giorni. Come si suol dire, se fosse facile lo farebbero tutti.

A seconda del broker scelto per operare, ti verranno messi a disposizione degli strumenti generalmente gratuiti da analizzare e sviscerare, ma soprattutto considerare come preziosi, perché saranno quelli che ti permetteranno, se utilizzati correttamente, di conseguire dei buoni risultati. Alcuni di questi strumenti sono più o meno comuni a tutte le piattaforme online, altri invece possono essere considerati come fattori distintivi del singolo broker.

Nel primo caso, tutte le piattaforme serie e regolamentare, offrono la possibilità di aprire account ai quali abbinare un conto demo gratuito. Questo significa che potrai simulare tutti i comportamenti tipici del trading, seguendo gli andamenti reali del mercati e imparando a leggere i segnali, ma senza mettere a rischio il tuo capitale, fase che arriverà in un secondo momento quando ti sentirai pronto per farlo.

Per quanto riguarda invece i servizi distintivi della singola piattaforma, potrai avere la possibilità di partecipare a dei webinar di formazione, scaricare e-book gratuiti dove potrai studiare come fare trading, avere assistenza personalizzata, entrare in community di trader con i quali confrontarsi o avere la possibilità di copiare le strategie degli investitori professionisti. Ogni broker di Forex ha una sua peculiarità che soddisferà l’una o l’altra categoria di trader.

Migliori Broker Italiani per il Forex TradingMigliori Broker Italiani per il Forex Trading

Migliori Broker Italiani per il Forex Trading

Questo articolo si rivolge a tutti quegli investitori, esperti o che stanno iniziando da poco con il trading online, alla ricerca di un broker per investire in CFD. La lista aggiornata include solo i migliori broker italiani per il Forex Trading. Si tratta di intermediari certificati, autorizzati e sicuri.

Quali sono i migliori broker italiani per il Forex Trading?

Al giorno d’oggi la scelta dell’intermediario per investire in borsa si rivela molto importante per ottenere potenziali profitti. Un broker non vale l’altro e occorre circoscrivere la scelta solo su quelli che offrono un certo livello di affidabilità.

I migliori broker italiani per fare trading di CFD riescono a soddisfare le esigenze di tutti gli investitori, offrendo il necessario supporto per negoziare in maniera autonoma e semplice. Sono broker che spesso propongono spread vantaggiosi, assistenza, conti demo, oltre che condizioni chiare e trasparenti.

Il Broker forex 24option, ad esempio, consente di operare senza commissioni non solo sul mercato Forex, ma anche su azioni, indici o commodity. Questo broker permette anche di fare trading di criptovalute. Molto indicato per gli investitori alle prime armi, 24option offre una guida completamente gratuita che spiega come fare trading di CFD. Senza richiedere alcun costo questo broker fornisce anche segnali e previsioni di Forex molto validi.

Altro broker che merita di essere segnalato è eToro, molto adatto per i principianti che potranno sfruttare la funzione CopyTrader, per giocare in borsa online seguendo le medesime strategie degli investitori più esperti. Il broker eToro, molto facile da usare, offre anche il vantaggio di non applicare alcuna commissione.

La lista dei migliori broker comprende anche TRADE.com, caratterizzato da un’interfaccia molto intuitiva. Anche in questo caso gli investitori potranno investire online senza sopportare i costi delle commissioni. Il broker TRADE.com regala ai propri iscritti una guida molto esaustiva che tratta del trading Forex, partendo dalle basi fino a toccare le strategie più complesse. Coloro che hanno usato TRADE.com apprezzano la possibilità di fare trading online non solo su Forex, ma anche su titoli Stato, criptovalute e materie prime.

Altro broker che sta riscuotendo sempre più successo è Iq Option, particolarmente adatto per tutti coloro che non dispongono di somme ingenti da investire, visto che il deposito minimo richiesto per l’apertura di un conto ammonta a soli 10 euro. Iq Option si rivela la piattaforma ideale anche per coloro che vogliono prendere dimestichezza con il trading online, in quanto si può negoziare anche in modalità demo, senza investire denaro, sopportare commissioni e rischiare nulla.

Infine, si ricorda il broker Plus500 scelto ormai da tanti professionisti e appassionati di trading online. Il broker è attivo su diversi mercati, quali azioni, ETF, criptovalute, commodity e Forex. Oggi, tuttavia, anche investitori non molto esperti scelgono Plus500 per sfruttare la possibilità di giocare in borsa gratuitamente e senza spendere in commissioni. Infatti, attraverso Plus500 si può sempre investire online aprendo un conto demo, senza limiti di tempo e restrizioni. Coloro che invece intendono negoziare con soldi reali possono aprire un conto e versare un deposito minimo di soli 100 euro.

Storia del Forex Trading dai primi giorni ad oggiStoria del Forex Trading dai primi giorni ad oggi

Storia del Forex Trading

che cos’è il forex? Tutti sappiamo che il forex è il mercato delle valute ed è il mercato più conosciuto e più utilizzato per gli investimenti, ma quando nasce e come si evolve quello che oggi è un mezzo di investimento utilizzato praticamente da tutti?

Si può dire che il forex in forma primordiale sia nato quando sono state coniate le prime monete da utilizzare come merce di scambio al posto del baratto, siamo nel VII secolo a.C.. Il Medioevo fu caratterizzato da un crollo del commercio internazionale e allo stesso tempo dal fiorire di tante monete diverse perché praticamente anche i Comuni potevano coniare monete. Qui si verifica una sorta di parallelo con il forex attuale perché al nascere di tante monete si assiste anche al ruolo predominante di una rispetto alle altre e il corrispondente dell’attuale Dollaro era il Fiorino coniato dalla città di Firenze.

Una vera rivoluzione si ha con l’età moderna, questa infatti è caratterizzata dalla nascita delle prime banche centrali e dalla sostituzione delle monete in metallo (oro, argento e bronzo) con le monete cartacee. Queste sono più leggere da trasportare e si possono ascrivere alle stesse anche valori molto elevati. All’emissione di monete vi era però un limite, cioè il valore emesso non poteva superare quello delle riserve auree effettivamente detenute.

forex trading

Nel 1944 un’importante novità sono gli accordi di Bretton Woods che portano alla creazione di un sistema valutario internazionale stabile e basato sul valore del dollaro. Questo implicava che il valore delle monete poteva oscillare intorno sempre al valore del dollaro considerata moneta per gli scambi internazionali. Per coloro che investivano nel Forex i profitti erano pochi perché i valori erano piuttosto stabili. Tutto cambia quando gli Stati Uniti chiedono alla Banca Centrale di stampare una maggiore quantità di dollari al fine di finanziare la guerra del Vietnam.

Viene così provocata una vera e propria inflazione e gli investitori chiedono di poter cambiare i dollari da loro detenuti in oro, in modo da tutelare i propri investimenti. Nixon dichiara di uscire dal sistema Bretton Woods e da questo momento le oscillazioni del valore delle diverse valute è libero, ma soprattutto è legato all’andamento della bilancia dei pagamenti e di conseguenza gli esperti riescono a prevedere le future oscillazioni e ad avere buoni guadagni derivanti dallo scambio di monete. Si può dire che in questo momento nasce il forex nel senso contemporaneo del termine.

Il nuovo passo del forex si ha con l’avvento di internet perché questo ha permesso lo sviluppo di piattaforme per il trading online. Ciò ha avuto la conseguenza di aprire il mercato del forex a tutti, anche a coloro che hanno pochi fondi, che non vogliono rischiare un intero patrimonio e soprattutto non vogliono avere intermediari come le banche nei loro investimenti. Il fatto che sia possibile investire con un computer, smartphone, tablet e una connessione internet in qualunque parte del mondo, non vuol dire che l’attività sia senza controlli. Per poter usufruire di questi servizi e accedere alle piattaforme che permettono di operare è necessario essere registrati ad un broker online.

I broker sono intermediari registrati. Per avere la registrazione e quindi l’autorizzazione a fornire i servizi di trading online è necessario rispettare tutte le leggi previste a tutela degli investitori. Il forex contemporaneo consente di investire su coppie di valute e non è detto che una delle due monete debba essere per forza il dollaro quindi in base a capacità e conoscenze è possibile diversificare i propri investimenti.